Contatti con l'Istituto:

segreteria: 0746-203331

succursale Modulo1 0746-1725633 / Modulo2 0746-1725634 / Modulo3 0746-1725635

email: riis00900x@istruzione.it  

pec: riis00900x@pec.istruzione.it

IBAN: IT44I 03069 14601 100000046128

Conto Tesoreria Unica 320512

organizzazione

Tutti gli utenti sono pregati di prendere visione del regolamento COVID

banner coronavirus aggiornamento

1140x header desktop senzatesti1

211004 Biomedica 0002 rev7r Pon 2014 2020 logo Erasmus Plus

due studenti dello Jucci ospiti all'ambasciata dello Yemen a Roma

 

https://www.ilmessaggero.it/rieti/rieti_jucci_ambasciata_studenti_yemen-6385651.html

yemen 1

 

In occasione della prima visita ufficiale del ministro degli esteri yemenita a Roma, è stato invitato all’ambasciata a Roma il liceo scientifico C. Jucci, nella persona della professoressa Tiberi responsabile e referente del progetto Diplomacy education e in quella di due alunni che nello scorso anno scolastico hanno partecipato al progetto, rappresentando appunto lo Yemen.

È successo il 6 dicembre scorso a Chiara Colasanti e Andrea Ambrosi dell'attuale 4D, accompagnati dalle professoresse Tiberi e Messina e assistiti dai tutor di Global Action che hanno selezionato il progetto e facilitato i rapporti con l'ambasciata

Chiediamo ai ragazzi le loro impressioni.“Ci hanno accolto calorosamente, facendoci accomodare all’interno della sala per gli ospiti e offrendoci the e biscotti Yemeniti. Lì abbiamo conosciuto di persona l’ambasciatrice Asmahan Abdulhameed Al-Toqi, precedentemente incontrata durante gli incontri online” dice Chiara Colasanti.

“Si è aggiunto all’incontro il ministro degli Esteri Bin Mubarak e con lui abbiamo parlato dei rapporti tra lo Yemen e l’Italia, i valori condivisi tra i due paesi, la situazione attuale dello Yemen; ha poi ipotizzato uno scambio culturale tra studenti, ci ha parlato delle principali attrattive yemenite come le città di San’a’ e Marib, e della cultura yemenita spesso dimenticata a causa della guerra civile” continua Andrea Ambrosi.

“Il ministro ci ha raccontato della sua carriera, dei suoi studi e del suo desiderio di cambiare le cose che lo ha spinto a intraprendere la carriera politica” aggiunge Chiara.

I ragazzi, entusiasti, hanno poi riferito di aver ricevuto dei diplomi per il progetto di diplomacy education e un gadget simbolo dello Yemen (un piccolo coltello ricamato), in segno di ringraziamento per l’impegno dimostrato nel corso del progetto stesso.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.